I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Normativa - Cookie Law

QuBì Loreto 2021 2022

Prosegue l'attività delle 23 reti QuBì cittadine e delle Ricette plus attive in alcuni quartieri dedicate a inserimento lavorativo, aiuto alimentare, benessere emotivo dei più piccoli, socialità e cultura diffusa nei quartieri. QuBì è una progettualità integrata che ha preso avvio alla fine del 2018 e che consente di ragionare insieme e lavorare attivamente intorno ad interventi e azioni che mettano finalmente a sistema i servizi e le esperienze pubbliche e del terzo settore per dare sostegno a minori e famiglie intorno a bisogni primari come casa, lavoro, cibo, educazione e tempo libero. Nell'ambito di QuBì Loreto (primo tratto di Via Padova, Casoretto e NoLo) B-CAM Cooperativa sociale svolge attività di supporto al coordinamento e comunicazione della rete composta da 34 attori locali (cooperative, associazioni, parrocchie e gruppi informali e realtà commerciali) che ha l’obiettivo di fare incontrare bisogni e risorse locali per rispondere alle necessità dei più piccoli promuovendo la collaborazione tra le istituzioni, le realtà del terzo settore e i cittadini attivi.

Cercasi volontari per la Tunnel Boulevard


Per fornire la disponibilità a partecipare alle attività nelle date del 20, 21,27 e 28 novembre iscriviti al link e segnala la tua presenza via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Tunnel Boulevard è un prgetto di rigenerazione urbana di T12-lab, Comunicarearte - Atelier Spazio XPO, B-CAM Cooperativa sociale e Cooperativa COMIN realizzato grazie al sostegno del programma Lacittàintorno di Fondazione Cariplo e alla collaborazione di Mapei SpA, Yume, FinecoBank, Litoart sotto la regia di Comune di Milano, Metropolitana Milanese e A2A.

Adriano chi?

"Adriano Chi?" è un percorso realizzato nel contesto del progetto "Cerco Adriano tutto l'anno" da Apis - Arti Per l'Innovazione Sociale, Circolo ACLI Spazio LaGobba e B-CAM Cooperativa sociale, in collaborazione con Alma Bar, Associazione ViviAdriano, NoLo Fringe Festival, Comunicarearte - Atelier Spazio XPO, Casa degli Artisti Milano e nell'ambito di Lacittàintorno e Fondazione Cariplo. Si tratta di lavorare sull'identità e il senso di appartenenza al quartiere attraverso gli strumenti della partecpazione locale e dell'urban art. E' stato realizzato un percorso di coinvolgimento locale per definire i luoghi significativi della vita del quartiere Adriano, prospettive di trasfornazione e personaggi in grado di rappresentarlo a partire dal nome stesso. La scelta è caduta su Adriano Celentano, Adriano Olivetti e l'Imperatore Adriano che verranno immortalati con opere di poster art in tre diversi contesti significativi della vita locale. Un percorso che vuole dare avvio anche all'uso dell'arte pubblica come uno degli ingredienti della riqualificazione locale insieme ad iniziative di cultura diffusa tra le vie e gli spazi verdi del quartiere.

contributo di B-CAM Cooperativa sociale a "Una lettera collettiva per Milano" di SUPER

"Avremmo bisogno di dare spazio e tempo a "dialoghi" con persone e realtà impegnate, consapevolmente o meno, a perseguire la "strategia della città a 15 minuti" prendendola sul serio come opzione per accompagnare e valorizzare le specificità dei quartieri. Una strategia da perseguire in maniera coerente e graduale tanto "dal basso" quanto "dall'alto" (bottom-up e top-down). Servono come il pane politiche integrate che lavorino su base territoriale e che comportino un significativo cambio di passo da parte della macchina comunale e delle regole, risorse e prassi che ne presiedono il funzionamento. Penso a persone e organizzazioni attive in vari campi impegnate nel coltivare questa sfida e capire come la loro attività potrebbe evolversi e radicarsi sempre di più nei loro quartieri e contesti locali a partire dalla definizione di alcuni parametri per misurare (quantitativamente e qualitativamente) le trasformazioni necessarie.
Penso ad ambiti di accessibilità locale primaria e non come casa, lavoro, prevenzione e promozione della salute, dipendenze, psichiatria e servizi di sostegno psicologico, immigrazione, spazi pubblici, cultura diffusa (urban art, street art...), sport, sussidiarietà, alimentazione (consumo, produzione e distribuzione di cibo), informazione/comunicazione di quartiere, commercio locale, sicurezza di prossimità, verde pubblico, scuole aperte, riuso e gestione del ciclo dei rifiuti.
Forse dentro a questa sfida i Municipi potrebbero avere la loro voce così come la possibilità di attivare Consulte di Quartiere (penso alla scala degli 88 NIL) che sappiano pragmaticamente porre questioni locali nell'ottica strategica della città a 15 minuti.
contributo di B-CAM Cooperativa sociale Una lettera collettiva per Milano di SUPER https://lnkd.in/gKWbMWgB